Condividi:

Poche ore fa è stata caricata in rete una registrazione amatoriale, della tanto chiacchierata “storia di Moroder”, ovvero:
Daft Punk – Giorgio by Moroder.

La Daft Life assieme alla Sony/Columbia Records ha fatto davvero l’impossibile per mettere al sicuro il nuovo album dalle “orecchie” dei più curiosi, anche se purtroppo, ora che gli artisti hanno l’esclusiva sulla riproduzione dei brani in uscita su Random Access Memories, durante le loro performance esclusive, può capitare che qualche furbetto si prenda la briga di registrare l’audio illegalmente.

Non so quanto faccia bene tutta questa caccia al leaked, anche perché ascoltare dei brani di tale importanza, con una qualità audio così scarsa, solo per l’impazienza nel dover aspettare ancora 8 giorni (il 17 maggio 2013) per la data di uscita ufficiale di R.A.M, rovina la magia che si andrà a creare quando finalmente, vi godrete questo nuovo viaggio all’interno della storia della disco music, con il vostro impianto audio casalingo o cuffie preferite (per favore, non usate quelle dell’ipod).

Il mio consiglio è quello di aspettare e non riprodurre il brano sottostante. Se però siete troppo curiosi, assaporate una parte della storia del nostro Giorgione nazionale.

 

DAFT PUNK – GIORGIO BY MORODER:

[Rimosso su richiesta/Removed by request | FPM - Sony Music]

 

 EXTRA:

Lascia un commento:

commenti

26 COMMENTI

  1. non ho resistito e ho provato ad ascoltare circa un minuto per farmi un idea……..i suoni sono loro , ricordano la disco anni 7o ma da quel poco che ho sentito classe e poi classe . Ho interrotto subito l ascolto perchè han ragione quelli di electro italia , non bisogna rovinare il primo ascolto di un pezzo così importate dell' album ! DEVE ESSER ASCOLTATO COME SI DEVE SU UN IMPIANTO! Ho , abbiamo aspettato per anni , che vuoi che siano 10 giorni per godersi Giorgio by moroder sul mio stereo …….NULLA

  2. cara electro Italia fai a meno di pubblicare se vuoi davvero farci la morale, se invece vuoi solo farti una cazzo di pubblicità gratuita è un altro discorso, non siamo scemi!

Lascia un messaggio